Clenbuterol side effects and contraindications

43

Effetti collaterali e controindicazioni del clenbuterolo

Poiché il clenbuterolo non è uno steroide anabolizzante, non presenta gli effetti collaterali normalmente associati a questa classe di farmaci. Tuttavia, il clenbuterolo presenta effetti collaterali comuni a tutti i composti della classe degli stimolanti. Pertanto, molte delle reazioni avverse del clenbuterolo sono più o meno le stesse della caffeina, dell’efedrina e di altri stimolanti. L’uso del clenbuterolo può anche produrre reazioni avverse uniche, non comuni ad altri composti della famiglia degli stimolanti. Potete trovare una descrizione dei benefici del clenbuterolo qui https://anabolizzanti-naturali.it/categoria/brucia-grassi/clenbuterolo/

Una reazione indesiderata unica, spesso causata dall’uso del clenbuterolo, è rappresentata dai crampi muscolari. Un effetto collaterale simile si osserva con il composto correlato Albuterolo. Il motivo è l’esaurimento dell’aminoacido taurina nell’organismo causato dal clenbuterolo. Alcuni studi hanno confermato che l’uso di clenbuterolo comporta una riduzione dei livelli di taurina nei muscoli e nel plasma. Questo aminoacido, come il magnesio, il potassio e il sodio, è importante nella regolazione degli impulsi nervosi e dei segnali che controllano la contrazione e il rilassamento di tutti i tipi di muscoli. Quando la taurina diventa insufficiente, possono verificarsi contrazioni muscolari involontarie, spesso intense e dolorose, che portano ai crampi. È stato dimostrato che l’integrazione di taurina con una dose giornaliera di 2,5-5 g contribuisce a ridurre gli effetti collaterali.

Come stimolante, il clenbuterolo ha effetti significativi sul miocardio e sulla funzione cardiovascolare. Tuttavia, esistono prove aneddotiche che dosi elevate di clenbuterolo favoriscono la crescita muscolare e migliorano la funzione cardiaca nell’insufficienza cardiaca cronica. Allo stesso tempo, le dosi di farmaco utilizzate nello studio possono essere considerate estreme e il loro uso potrebbe non essere sicuro. Esistono prove di un aumento del rischio di ischemia miocardica con l’uso di clenbuterolo, associato a un inadeguato apporto di sangue al cuore dovuto alla vasocostrizione arteriosa indotta dal farmaco. Uno studio sui ratti ha rivelato gli effetti miotossici del clenbuterolo, che portano alla morte del muscolo cardiaco e cambrile. Sebbene nello studio siano state utilizzate dosi molto elevate, questo effetto è senza dubbio dovuto agli effetti del clenbuterolo.

Controindicazioni

Dati gli effetti del farmaco sul sistema cardiovascolare e nervoso, esistono alcune controindicazioni al suo utilizzo. I medici sottolineano inoltre l’incompatibilità con i farmaci del gruppo degli stimolatori degli adrenorecettori. Si sconsiglia di assumere caffè e altre bevande contenenti caffeina. Tutti gli alcolici sono categoricamente controindicati. La combinazione di bruciagrassi è sconsigliata in presenza delle seguenti condizioni:

  • ipertensione arteriosa o, al contrario, ipotensione;

  • insufficienza cardiaca;

  • tireotossicosi;

  • stenosi dell’arteria coronaria;

  • periodo di gravidanza e allattamento;

  • malattia coronarica;

  • almeno sei mesi dopo un infarto del miocardio o un ictus (in questi casi, è necessario consultare preventivamente un cardiologo);

  • grave insufficienza renale o epatica;

  • ipersensibilità a qualsiasi componente del farmaco.

Inoltre, gli esperti mettono in guardia dal seguire le regole di ammissione. La yohimbina in combinazione con altri bruciagrassi deve essere assunta nella prima metà della giornata (se non diversamente indicato separatamente), rispettando chiaramente il dosaggio. È indispensabile fare delle pause per ripristinare la sensibilità dei recettori al clenbuterolo. L’assunzione del farmaco è preferibile sotto la supervisione di un addestratore competente, che deve essere informato di eventuali cambiamenti di benessere.